::Fantaghirò::

SCHEDA DEL FILM

Regia: Lamberto Bava
Produzione: Italia
Anno: 1991, trasmesso da Canale 5 il 22 e 23 dicembre 1991.
Durata: 2 puntate da 100 minuti circa (versione integrale)

Prodotto da: Lamberto Bava, Roberto Bessi, Andrea Piazzesi
Sceneggiatura: Gianni Romoli, Francesca Melandri
Scenografia: Davide Bassan, Franco Fumagalli
Costumi: Marisa D'Andrea
Trucco ed effetti speciali: Fabrizio Sforza
Creature: Sergio Stivaletti
Effetti speciali ottici: Armando Valcauda
Montaggio: Piero Bozza
Direttore di produzione: Giuseppe Butti
Direttore della fotografia: Romano Albani
Direttore artistico: Ludvig Siroky
Musiche: Amedeo Minghi

Premi: Telegatto 1992: Alessandra Martines come miglior attrice protagonista.


INTERPRETI (tra parentesi il doppiatore) - [fonte: www.antoniogenna.net]:

Fantaghirò Alessandra Martines
(Alessandra Martines)
Romualdo Kim Rossi Stuart
(Kim Rossi Stuart)
Re Mario Adorf
(Gianni Musy)
Strega Bianca
Cavaliere Bianco
Angela Molina (?)
Caterina Ornella Marcucci
(Francesca Draghetti)
Carolina Katerina Brazova
(Paola Valentini)
Cataldo Stefano Davanzati
(Fabrizio Pucci)
Ivaldo Tomas Valik
(Riccardo Onorato)
Generale Jean Pierre Cassel (?)
Indovini Gemelli Ruggeri
(Gemelli Ruggeri)
Issibil Jan Kraus
(Mino Caprio)
Ossobol Martin Faltin (?)
Ussubul Philip Renc
(Paolo Buglioni)
Tonino Pavel Chalupa
(Fabrizio Mazzotta)
Fantaghirò bambina Emanuela Hernandez (?)
Caterina bambina Lisa Hudrackova
(Laura Lenghi)
Carolina bambina Lenka Kubalkova
(Rossella Acerbo)
Nutrice Stanislava Bartosova (?)
Soldato ubriaco Jan Zedvick
Oca (Liù Bosisio)
Ciambellano Philip Licman (?)
3° indovino Jan Moravec (?)
Danzatrice Simona Chytrova (?)
Regina Katerina Frybova (?)
Vecchio bianco Jiri Patocka (?)
Vecchia bianca Olga Schmitova (?)
Donna nuda Marketa Hrubesova (?)
Cuocona Antinie Hegerlikova (?)

TRAMA

Una guerra che dura dal tempo dei tempi devasta due regni confinanti. Nel frattempo, in uno di questi due regni, nasce un nuovo erede al trono: il re spera che sia un maschio, perché ha già due figlie femmine, ma il fato si beffa di lui, e per la terza volta gli regala una bambina, Fantaghirò.
Fantaghirò cresce spensieratamente assieme alle sorelle, Caterina e Carolina, mostrando però fin da piccola un carattere ribelle e insofferente verso l’autorità paterna. Il suo comportamento viene punito dal padre, che la fa rinchiudere in fondo al pozzo per lunghi anni. Fantaghirò però non è una ragazza che si lascia intimorire e scoraggiare tanto facilmente; passa questo tempo leggendo molti libri ed è sostenuta dall’affetto delle sorelle, che le cercano di farle avere tutte le attenzioni possibili.
Uscita dal pozzo e diventata ormai una ragazza, Fantaghirò non ne vuole proprio sapere della vita di corte: vuole studiare e imparare nuove cose, senza adagiarsi e rassegnarsi a cucire e ricamare come le altre dame. Rifiuta una proposta di matrimonio fortemente voluta dal padre, scatenando l’ira del re, che la scaccia più volte da corte. Fantaghirò si rifugia nel bosco: qui incontra il Cavaliere Bianco, una trasformazione della Strega Bianca che sempre è stata vicina alla famiglia reale, il quale le insegnerà ad amare la natura, a parlare con gli animali e a rispettarli, ma anche a combattere e a sapersi difendere.
Nel frattempo tra i due regni si giunge ad una tregua: per porre fine alla lunga guerra che da tantissimi anni sta logorando i due popoli, si decide di far disputare un duello tra due rappresentanti di ciascun regno: il vincitore del duello sarà il vincitore della guerra. Mentre il regno confinante sceglie come guerriero l’erede al trono, il giovane principe Romualdo, nel regno di Fantaghirò non ci sono eredi maschi. Su consiglio della fedele Strega Bianca, il re decide di far partecipare al duello le sue tre figlie sotto falso nome, spacciandole per guerrieri provenienti da una terra lontana. Fantaghirò, appena tornata al castello, è entusiasta di questa decisione, al contrario delle sorelle, che poco dopo la partenza, tornano a casa, non riuscendo ad adattarsi alla vita da cavaliere.
Fantaghirò, travestita da cavaliere, si fa chiamare conte di Val D’Oca, perché nessuno sappia della sua vera identità. Prima del duello, incontra il principe nemico, Romualdo, il quale, vedendo i suoi occhi, inizia a sospettare che il conte di Val D’Oca sia una donna. Romualdo decide di rinviare il duello, sfidando il conte di Val D’Oca una gara di nuoto, per poter capire finalmente quale sia la vera natura del suo avversario. Ma Fantaghirò riesce a evitare la competizione e sfida Romualdo a duello, nella quale esce vincitrice. Non avendo il coraggio di uccidere il principe nemico, se ne torna al castello sconfitta, dove il re punisce il conte di Val D’Oca, rinchiudendolo per sempre nella torre. Nel frattempo arriva anche Romualdo con i suoi fedeli amici, Cataldo e Ivaldo, che si dichiarano vinti dal guerriero avversario e disposti a cedere il proprio regno. Il re però offre loro la possibilità di trovare un compromesso: si decide così il matrimonio tra le figlie del re, Caterina e Carolina, con Ivaldo e Cataldo, per rafforzare il legame tra i due regni. Quando Romualdo sta per andarsene, Caterina lo ferma e lo conduce nella torre dove si trova Fantaghirò. I due si riconoscono e capiscono di essersi subito amati. Il re abdica e il comando del regno viene così affidato ai nuovi re e regine.


SCENEGGIATURA

Per scaricare la sceneggiatura del film (versione integrale), clicca qui.
Se volete usarla in qualche sito web, per favore, contattatemi prima! Grazie.